Milano, 21 febbraio 2014

Il telemonitoraggio domiciliare all'interno di BuongiornoCReG

Conclusa la prima fase del telemonitoraggio per un campione di pazienti aderenti a BuongiornoCReG

Ultime notizie

Da Marzo 2013 a Gennaio 2014 un gruppo di pazienti aderenti a BuongiornoCReG ha partecipato ad una fase sperimentale di telemonitoraggio a domicilio di alcuni parametri fisiologici realizzato da Telbios.

Il servizio di telemonitoraggio è all'interno del percorso di cura personalizzato che è stato definito per ogni paziente all'inizio del progetto BuongiornoCReG.

Il servizio, attivato su soggetti segnalati dal Medico di Medicina Generale di riferimento, permette la reale continuità di cura verificando il comportamento dei pazienti.

Attraverso il trinate clinico del personale infermieristico del Centro Servizi di Telbios vengono valutati i casi da sottoporre in tempi brevi al medico di riferimento. Il medico di riferimento, seguendo dei protocolli predefiniti, controlla e valuta i dati di telemonitoraggio e prende le decisioni appropriate.

Sono stati coinvolti in questa fase, una ventina di Medici di Medicina Generale e un centinaio di pazienti con età compresa tra 40 e over 80, affetti da una o più cronicità tra le principali: BPCO, Diabete, Scompenso cardiaco e ipertensione.


Il Centro Servizi di Telbios ha avuto un ruolo fondamentale attraverso il triage clinico e il triage non-clinico da parte del personale addetto al supporto tecnico.


Attraverso la risposta questionari di 'customer satisfaction' la maggior parte dei pazienti coinvolti ha apprezzato questa tipologia di servizio. Alcune delle frasi dei pazienti dicono:

"Ci è piaciuta molto la vostra gentilezza, puntualità e presenza attraverso il contatto con noi, ci ha aiutato ad essere più attenti a misurare la pressione arteriosa, prima non lo facevamo mai. Per me è stato molto utile poiché è stata riscontrata una malattia aritmica"


"Mi è piaciuto sapere che qualcuno verifica le mie condizioni e va bene così."


Durante la seconda parte del 2014 altri pazienti e medici di medicina generale saranno coinvolti in una nuova fase del servizio di telemonitoraggio.