Milano, 18 luglio 2016

Telemedicina per cronici made in Lombardia conquista Europa

L’innovativo progetto hi- tech “made in Lombardia” con cui alcuni gruppi di medici di famiglia gestiscono i malati cronici nei loro percorsi di cura, attraverso una complessa piattaforma informatica e strumenti di telemedicina, è stato valutato positivamente dalla Ue, diventando Reference Site europeo.

Ultime notizie
Buongiorno CReG conquista l’Europa.

L’innovativo progetto hi- tech “made in Lombardia” con cui alcuni gruppi di medici di famiglia gestiscono i malati cronici nei loro percorsi di cura, attraverso una complessa piattaforma informatica e strumenti di telemedicina, è stato valutato positivamente dalla Ue, diventando Reference Site europeo.
I pazienti vengono stratificati in base ai dati clinici come soggetti a basso, medio e alto rischio. In base questa classificazione e alle loro caratteristiche personali vengono loro offerti servizi diversi, su misura…
Le peculiarità del progetto Buongiorno CReG sono diverse: la sua base è una piattaforma informatica (supportata dal partner tecnologico Telbios) che permette la gestione di tutti i dati e i flussi informativi verso le Ats del territorio e la Regione, e c’è un call center che monitora vari aspetti tra cui l’aderenza al piano di cura, chiama il paziente se non fa i controlli in programma..” Il Centro Servizi, insieme ai piani assistenziali individuali, ha un ruolo molto importante”, assicura la Dott.ssa Gabriella Levato, responsabile scientifico di Sifmed per il progetto Buongiorno CReG e vice segretario regionale di Fimmg Lombardia
EIP on aha reference site logo
Ai malati viene fornito un kit  (le tecnologie vanno dal saturimetro al glucometro, dalla bilancia agli strumenti per misurare pressione o ritmo cardiaco) e si danno loro indicazioni sulla frequenza con cui devono monitorare i vari parametri.

“Tutti questi dati – continua Levato – vengono convogliati sulla piattaforma di telemonitoraggio a cui può accedere il medico del paziente e il Centro Servizi che fa una sorta di “triage”. Quando un valore esce fuori soglia scatta un alert rosso o giallo e il paziente viene contattato per approfondire la situazione. Il medico che sulla piattaforma vede come vanno le cose può attivarsi in tempo reale  per cambiare la terapia o carpire i problemi del paziente…

“Il riconoscimento internazionale ottenuto, commenta Fiorenzo Corti, segretario regionale Fimmg Lombardia, è una tappa importante. Centralità e vicinanza alla persona, fiducia del paziente nel proprio medico, utilizzo di nuove tecnologie e di modelli di gestione innovativi: sono i punti cardine del lavoro di questi anni. L’entusiasmo e il coraggio non sono mancati per superare schemi e modelli obsoleti che ormai che ormai sono inadeguati a rispondere ai bisogni emergenti dai nuovi contesti clinici ed epidemiologici.”